#IL QUADERNO DI Francisco González-Pulido - L'Antic colonial

#IL QUADERNO DI Francisco González-Pulido

28 luglio, 2015 | Non categorizzato
#IL QUADERNO DI Francisco González-Pulido

Francisco González-Pulido – JAHN – Chicago, USA

Estadio Diablos, Veer Towers, Leatop Plaza, Shanghai International Financial Center, Japan Post, Qiantan 14, Naicm, Greenhouse…

1 – Chi è Francisco Gonzalez-Pulido?

Sono idealista, realista e appassionato della musica e del surrealismo.

2 – Quando ha scoperto di voler diventare architetto?

A 17 anni. È stata una decisione molto pragmatica, basata sul mio interesse per la scienza e l’arte.

3 – Un punto di riferimento nell’architettura…

Il Museo Nazionale di storia della Bulgaria a Sofia. È un imponente edificio comunista, dove mi sono sposato con mia moglie Gergana.

4 – Se non fossi diventato architetto, mi sarei dedicato a…

Regista cinematografico o direttore d’orchestra.

5 – Un difetto e una virtù.

Difetto: l’impazienza.
Virtù: la determinazione.

6 – Com’è casa sua?

Non ammobiliata, ma eclettica, piena di luce naturale. Nei mesi buoni, è come una casa estiva. Mia moglie evita saggiamente che la trasformi nella mia fantasia assoluta: pareti bianche e nere piene di taxidermia, mobili con ruote (senza eccezione alcuna) e chitarre elettriche e amplificatori ovunque.

7 – La domenica è il giorno per…

Uscire a correre con mia moglie, giocare con le macchine e suonare la batteria con mio figlio, suonare la chitarra e, di sera, isolarmi e pensare a ciò che mi aspetta.

8 – Un luogo dove cercare l’ispirazione.

Correre nei quartieri industriali di Chicago.

9 – Qual è l’ultimo libro che ha letto?

La biografia di David Bowie.

10 – Tra 15 anni…

Mi piacerebbe costruire un museo di strumenti musicali per ospitare la mia collezione personale.

11 – Quando pensa all’architettura le viene in mente…

Un’esperienza cinematografica.

12 – Matita o computer?

Entrambi.

13 – Come definirebbe il suo lavoro?

Razionale e tecnologico, nonché sperimentale ed espressivo.

14 – Un progetto che le piacerebbe fare.

Una piattaforma petrolifera nel mezzo dell’oceano.

15 – La sua opinione sull’architettura spagnola.

Grandi opere pubbliche architettoniche in quasi tutti i periodi importanti della sua storia. Sono particolarmente interessato alla direzione degli architetti spagnoli giovani attuali.

16 – Come si può mantenere uno stile proprio soddisfacendo le esigenze dei clienti?

Non credo negli stili; Credo che il cliente si meriti qualcosa di speciale, il meglio di me. Mi godo sia il processo che il risultato finale.

17 – Nell’architettura, cosa le riesce meglio e cosa le risulta più faticoso?

Riesco meglio nei concetti e mi risulta più difficile accettare una discussione persa su un disegno, o qualsiasi discussione in generale.

18 – La sua ricetta per il successo.

Sfruttare ogni fase del processo, riuscire ad ottenere ciò che ho in mente e trovare il senso di ogni battaglia per raggiungere l’obiettivo.

19 – Qual è il ruolo dei prodotti naturali nei suoi progetti?

È molto importante. Fin da quando ero studente, odio l’arredo. Ho sempre pensato che i materiali essenziali della costruzione dovrebbero essere anche le rifiniture finali. Nella natura le cose sono come sono, e per questo sono belle.

20 – Il suo prodotto preferito di L’Antic Colonial è…

I suoi processi per alterare le proprietà dei materiali e migliorarne il rendimento. Per me, L’Antic Colonial è una fabbrica di alta tecnologia di elementi naturali.

Would you like us
to inspire your space?

Contact us




I've read and accept the Terms and Conditions

Porcelanosa Group limited
Productos naturales

WE USE COOKIES TO IMPROVE OUR SITE AND YOUR USER EXPERIENCE. BY CONTINUING TO BROWSE OUR SITE YOU ACCEPT OUR COOKIE POLICY.