#IL QUADERNO DI Gerard Huet - L'Antic colonial

#IL QUADERNO DI Gerard Huet

6 febbraio, 2017 | Non categorizzato
#IL QUADERNO DI Gerard Huet

Gerard Huet – Cardete & Huet – Toulouse (France) Aeroporto Toulouse-Blagnac, Ambasciata di Francia a Bogotà, Padiglione della Francia all’Expo di Saragozza, Istituto Universitario del Cancro Tolosa-Oncopole… 1 – Chi è Gerard Huet?

Un architetto sempre curioso.
2 – Quando ha scoperto di voler diventare architetto?

Da adolescente.
3 – Un punto di riferimento nell’architettura…

L. Kahn.
4 – Se non fossi diventato architetto, mi sarei dedicato a…

Preferisco non pensarci.
5 – Un difetto e una virtù.

Semplicità.
6 – Com’è casa sua?

Aperta.
7 – La domenica è il giorno per…

Lavorare.
8 – Un luogo dove cercare l’ispirazione.

La previsione è ciò che più ispira.
9 – Qual è l’ultimo libro che ha letto?

Lydie Salvayre (Non piangere).
10 – Tra 15 anni…

In costante evoluzione.
11 – Quando pensa all’architettura le viene in mente…

Saper gestire la luce.
12 – Matita o computer?

Matita, anche se pensandoci bene…
13 – Come definirebbe il suo lavoro?

Paziente – ragionato – deciso.
14 – Un progetto che le piacerebbe fare.

Il futuro dello spazio dove poter vivere in armonia?
15 – La sua opinione sull’architettura spagnola.

Magnifica, libera.
16 – Come si può mantenere uno stile proprio soddisfacendo le esigenze dei clienti?

Con pazienza e ragione.
17 – Nell’architettura, cosa le riesce meglio e cosa le risulta più faticoso?

Non c’è nulla che mi riesca meglio, ma cerco sempre di fare il meno peggio.
18 – La sua ricetta per il successo.

Convincere.
19 – Qual è il ruolo dei prodotti naturali nei suoi progetti?

Non c’è niente di naturale, tutto si trasforma.

Would you like us
to inspire your space?

Contact us




I've read and accept the Terms and Conditions

Porcelanosa Group limited
Productos naturales

WE USE COOKIES TO IMPROVE OUR SITE AND YOUR USER EXPERIENCE. BY CONTINUING TO BROWSE OUR SITE YOU ACCEPT OUR COOKIE POLICY.